La geopolitica nordamericana nel “giardino di casa”: Parallelismi tra la strategia nel Cile di Allende e in Venezuela

ll Sud America è di nuovo in primo piano nell’agenda mediatica internazionale. I meccanismi geopolitici degli USA verso il countryard sono usciti alla luce del sole. Ciò che sta accadendo nel Venezuela di oggi somiglia molto al Cile del 1973, paese sconvolto proprio in questi giorni da una grave crisi sociale a cui il governo Piñera ha risposto duramente.

L’azione russa in Siria: una panoramica

La posizione di Mosca in Siria sta assumendo un ruolo sempre più nevralgico, e ad oggi sono in pochi a dubitare che la Russia sia la vera vincitrice tra le varie potenze presenti nella regione. Ma come siamo arrivati a questo punto?

La questione del Kashmir ai tempi della Belt and Road Initiative (BRI)

Dopo l’attentato terroristico del 14 febbraio scorso, la tensione nella regione del Kashmir ha nuovamente raggiunto livelli pericolosi. Alla tradizionale contesa nella regione si uniscono però anche le frizioni legate alla realizzazione del China-Pakistan Economic Corridor (CPEC), il cui tragitto passa necessariamente nel territorio conteso, rendendo la situazione ancora più critica.

Dentro la Russia: Costituzione e altro

Capire la struttura di base dell’amministrazione russa è fondamentale per comprendere la distribuzione dei poteri all’interno, delinearne i limiti e le possibili implicazioni con le scelte di politica estera. Si riassumono a tale scopo in queste brevi righe i tratti fondamentali degli apparati della Federazione Russa.

Il Gigante Pacifico: la difficile strategia della sicurezza tedesca, tra remore storiche e tagli di bilancio

La recente indecisione della Germania ad assumersi le responsabilità della propria potenza non trova riscontro migliore che nella sua politica militare. La carenza di fondi dedicati alle forze armate rende il Paese incapace di stare al passo con le sfide future e rischia di trasformarlo, nel breve termine, in un partner scomodo per le operazioni militari internazionali.

Grazie al Sahara Occidentale il Marocco (ri)scopre l’Africa

Il Marocco considera il Sahara Occidentale come parte integrante del suo territorio e come un suo diritto deciderne il futuro. Ingenti flussi di investimenti e programmi di inclusione sociale e politica riflettono la scommessa sulle potenzialità di una regione dal grande valore economico e simbolico. Riammesso nell’Unione africana, il Marocco vi è rientrato come attore di primo piano. Le porte dell’Africa si stanno riaprendo per Rabat, che usa la terra dei saharawi come biglietto da visita.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑