Grazie al Sahara Occidentale il Marocco (ri)scopre l’Africa

Il Marocco considera il Sahara Occidentale come parte integrante del suo territorio e come un suo diritto deciderne il futuro. Ingenti flussi di investimenti e programmi di inclusione sociale e politica riflettono la scommessa sulle potenzialità di una regione dal grande valore economico e simbolico. Riammesso nell’Unione africana, il Marocco vi è rientrato come attore di primo piano. Le porte dell’Africa si stanno riaprendo per Rabat, che usa la terra dei saharawi come biglietto da visita.

Annunci

La svolta atlantica della Repubblica della Macedonia del Nord. Siglato il protocollo di adesione alla NATO

Il tanto dibattuto cambio di nome dell’ormai ex Repubblica di Macedonia è avvenuto e la ventennale disputa con la vicina Grecia volta al termine. L’accettazione del cambio di nome in Repubblica della Macedonia del Nord ha aperto scenari inediti che hanno avvicinato il piccolo Stato balcanico al grande blocco delle potenze occidentali. Una nuova partita geopolitica nel cuore della “polveriera d’Europa” sembra avere inizio.

Stati Uniti contro Cina: il gioco di due grandi potenze

Dopo il lungo periodo definito da alcuni il “Secolo Americano”, caratterizzato da un assetto unipolare nato a seguito del crollo dell’Unione Sovietica, possiamo parlare di un nuovo bipolarismo tra Stati Uniti e Repubblica Popolare Cinese? L’innegabile trasformazione della Cina, da paese agricolo sottosviluppato a grande attore dell’economia e della politica mondiale, sfida il predominio militare e tecnologico, strategico ed economico consolidato di un’America “gendarme” non solo dell’emisfero occidentale, ma anche di quello orientale.

ENI: A Possible New Giant in Middle Africa?

ENI, the Italian national champion in the oil and gas business, has been expanding its presence in Middle Africa through a new sequence of agreements and investments during the last 10 years. The company’s effort in the area is showing positive results in terms of revenues and increased rates of crude oil extraction, but side effects might emerge soon as the region at issue hosts traditional political and economic actors that might not easily be willing to hand over appealing shares of the market.

Cina, celebrati i quarant’anni delle riforme che hanno contribuito a riportare il Paese al centro del mondo

Le riforme implementate da Deng Xiaoping nel 1978 hanno permesso alla Cina di passare da Paese economicamente arretrato a seconda potenza globale. Quarant'anni dopo, Xi Jinping è intento ad adeguare lo status del Paese alla sua nuova postura nel sistema internazionale. Il nuovo leader, tuttavia, è chiamato ad affrontare sfide vecchie e nuove in un contesto fortemente mutato.

Venti di Guerra Gelida al Circolo Polare Artico

La comparsa di un nuovo oceano intorno al Polo Nord sta innescando una vera e propria corsa globale. Vecchie dinamiche tipiche da Guerra Fredda stanno riprendendo sempre più vigore e le grandi potenze non sono assolutamente disposte ad arretrare. La posta in gioco, questa volta, è l’Artico e le sue immense risorse ittiche e minerarie. Per non parlare delle sconfinate riserve di petrolio e gas naturale nascoste sotto la tenera coltre di ghiaccio che ricopre la regione, ormai prossima allo scioglimento a causa del surriscaldamento globale.

North Kivu: Old Forces Resurface and New Forces Threaten the Stability and Geopolitical Balance

In North-Kivu, a region in eastern Congo along the border with Uganda, the level of violence escalated during the past few weeks. What elements are destabilizing the geopolitical balance of the region? The area traditionally suffers from the presence of numerous armed groups, widespread poverty, the race to exploit the land’s natural resources, and new cases of Ebola virus. This article aims to underline the new factors that play a major role in the current North Kivu.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑