Stati Uniti contro Cina: il gioco di due grandi potenze

Dopo il lungo periodo definito da alcuni il “Secolo Americano”, caratterizzato da un assetto unipolare nato a seguito del crollo dell’Unione Sovietica, possiamo parlare di un nuovo bipolarismo tra Stati Uniti e Repubblica Popolare Cinese? L’innegabile trasformazione della Cina, da paese agricolo sottosviluppato a grande attore dell’economia e della politica mondiale, sfida il predominio militare e tecnologico, strategico ed economico consolidato di un’America “gendarme” non solo dell’emisfero occidentale, ma anche di quello orientale.

Annunci

Cina, celebrati i quarant’anni delle riforme che hanno contribuito a riportare il Paese al centro del mondo

Le riforme implementate da Deng Xiaoping nel 1978 hanno permesso alla Cina di passare da Paese economicamente arretrato a seconda potenza globale. Quarant'anni dopo, Xi Jinping è intento ad adeguare lo status del Paese alla sua nuova postura nel sistema internazionale. Il nuovo leader, tuttavia, è chiamato ad affrontare sfide vecchie e nuove in un contesto fortemente mutato.

Il dilemma uiguro quale sfida locale alla realizzazione del China-Pakistan Economic Corridor (CPEC)

Da molti decenni, la Regione Autonoma dello Xinjiang è interessata dal conflitto tra il governo centrale e i cinesi autoctoni di etnia uigura. Il braccio armato e radicale dell’indipendentismo uiguro è rappresentato dall’Est Turkistan Islamic Movement (ETIM), organizzazione terroristica di matrice islamica che ha condotto numerosi attentati in diverse zone del paese. Il successo dell’ambizioso progetto del China-Pakistan Economic Corridor (CPEC) dipenderà molto dalla capacità della Cina di risolvere una volta per tutte il dilemma uiguro.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑