La Grande Muraglia di Sabbia: isole artificiali in acque contese e strategie ibride nel Mar Cinese Meridionale

MARTINA LUCACCINI | Il significato geostrategico del Mar Cinese Meridionale ha trasformato le sue controversie da regionali ad internazionali. Il contenzioso è alimentato dalla rivendicazione ed occupazione di ampie porzioni di territorio da parte della Repubblica Popolare Cinese, sulla base della cosiddetta Nine Dash Line del 1947. La progressiva costruzione e militarizzazione di isole artificiali nella regione illustra l'ampio obiettivo strategico di Pechino: esso è parte di una strategia ibrida che sfrutta le zone grigie presenti nel Mar Cinese Meridionale. Sebbene le autorità cinesi dichiarino che le attività sui reefs artificiali abbiano la sola funzione di aggiungere un anello di sicurezza necessario all’interno del Mar Cinese Meridionale, la Grande Muraglia di Sabbia consente a Pechino di proiettare la propria potenza in primis all’interno della regione e, successivamente, nelle profondità del Pacifico.

Sito con tecnologia WordPress.com.

Su ↑